http://www.recitarleggendo.com

 

Recitar Leggendo Audiolibri

 

Audiolibro 
codice: RLA-006 (1CD Audio)
ISBN: 88-89352-05-1

Francesco Petrarca
Canzoniere

Lettura interpretata
da
Claudio Carini




Testi presenti nel CD



1

Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono
di quei sospiri ond'io nudriva 'l core
in sul mio primo giovenile errore
quand'era in parte altr'uom da quel ch'i' sono,

del vario stile in ch'io piango  ragiono
fra le vane speranze e 'l van dolore,
ove sia chi per prova intenda amore,
spero trovar piet, nonch perdono.

Ma ben veggio or s come al popol tutto
favola fui gran tempo, onde sovente
di me mesdesmo meco mi vergogno;

e del mio vaneggiar vergogna 'l frutto,
e 'l pentersi, e 'l conoscer chiaramente
che quanto piace al mondo breve sogno.


3

Era il giorno ch'al sol si scoloraro
per la piet del suo fattore i rai,
quando i' fui preso, e non me ne guardai,
ch i be' vostr'occhi, donna, mi legaro.

Tempo non mi parea da far riparo
contra colpi d'Amor: per m'andai
secur, senza sospetto; onde i miei guai
nel commune dolor s'incominciaro.

Trovommi Amor del tutto disarmato
 aperta la via per gli occhi al core,
che di lagrime son fatti uscio  varco:

per al mio parer non li fu honore
ferir me de saetta in quello stato,
a voi armata non mostrar pur l'arco.


7

La gola e 'l sonno  l'otose piume
nno del mondo ogni vert sbandita,
ond' dal corso suo quasi smarrita
nostra natura vinta dal costume;

  s spento ogni benigno lume
del ciel, per cui s'informa umana vita,
che per cosa mirabile s'addita
chi vl far d'Elicona nascer fiume.

Qual vaghezza di lauro, qual di mirto?
Povera  nuda vai philosophia,
dice la turba al vil guadagno intesa.

Pochi compagni avrai per l'altra via:
tanto ti prego pi, gentile spirto,
non lassar la magnanima tua impresa.



12

Se la mia vita da l'aspro tormento
si pu tanto schermire,  dagli affanni,
ch'i' veggia per vert de gli ultimi anni,
donna, de' be' vostr'occhi il lume spento,

e i cape' d'oro fin farsi d'argento,
 lassar le ghirlande e i verdi panni,
e 'l viso scolorir che ne' miei danni
a llamentar mi fa pauroso  lento:

pur mi dar tanta baldanza Amore
ch'i' vi discovrir de' mei martiri
qua' sono stati gli anni, e i giorni  l'ore;

 se 'l tempo contrario ai be' desiri,
non fia ch'almen non giunga al mio dolore
alcun soccorso di tardi sospiri.


30

Giovene donna sotto un verde lauro
vidi pi bianca  pi fredda che neve
non percossa dal sol molti  molt'anni;
e 'l suo parlare, e 'l bel viso,  le chiome
mi piacquen s ch'i' l' dinanzi agli occhi,
ed avr sempre, ov'io sia, in poggio o 'n riva.

Allor saranno i miei pensier a riva
che foglia verde non si trovi in lauro;
quando avr queto il core, asciutti gli occhi,
vedrem ghiacciare il foco, arder la neve:
non tanti capelli in queste chiome
quanti vorrei quel giorno attender anni.

Ma perch vola il tempo,  fuggon gli anni,
s ch'a la morte in un punto s'arriva,
o colle brune o colle bianche chiome,
seguir l'ombra di quel dolce lauro
per lo pi ardente sole  per la neve,
fin che l'ultimo d chiuda quest'occhi.

Non fur gi mai veduti s begli occhi
o ne la nostra etade o ne' prim'anni,
che mi struggon cos come 'l sol neve;
onde procede lagrimosa riva
ch'Amor conduce a pie' del duro lauro
ch' i rami di diamante,  d'r le chiome.

I' temo di cangiar pria volto  chiome
che con vera piet mi mostri gli occhi
l'idolo mio, scolpito in vivo lauro:
ch s'al contar non erro, oggi sett'anni
che sospirando vo di riva in riva
la notte e 'l giorno, al caldo ed a la neve.

Dentro pur foco,  for candida neve,
sol con questi pensier', con altre chiome,
sempre piangendo andr per ogni riva,
per far forse piet venir negli occhi
di tal che nascer dopo mill'anni,
se tanto viver p ben clto lauro.

L'auro e i topacii al sol sopra la neve
vincon le bionde chiome presso agli occhi
che menan gli anni miei s tosto a riva.


32

Quanto pi m'avicino al giorno estremo
che l'umana miseria suol far breve,
pi veggio il tempo andar veloce  leve,
e 'l mio di lui sperar fallace  scemo.

I' dico a' miei pensier': Non molto andremo
d'amor parlando omai, ch 'l duro  greve
terreno incarco come fresca neve
si va struggendo; onde noi pace avremo:

perch co llui cadr quella speranza
che ne fe' vaneggiar s lungamente,
e 'l riso e 'l pianto,  la paura  l'ira;

s vedrem chiaro poi come sovente
per le cose dubbiose altri s'avanza,
 come spesso indarno si sospira.


35

Solo  pensoso i pi deserti campi
vo mesurando a passi tardi  lenti,
 gli occhi porto per fuggire intenti
ove vestigio uman l'arena stampi.

Altro schermo non trovo che mi scampi
dal manifesto accorger de le genti,
perch negli atti d'alegrezza spenti
di fuor si legge com'io dentro avampi:

s ch'io mi credo omai che monti  piagge
 fiumi  selve sappian di che tempre
sia la mia vita, ch' celata altrui.

Ma pur s aspre vie n s selvagge
cercar non so ch'Amor non venga sempre
ragionando con meco,  io con lui.


50

Ne la stagion che 'l ciel rapido inchina
verso occidente,  che 'l d nostro vola
a gente che di l forse l'aspetta,
veggendosi in lontan paese sola,
la stancha vecchiarella pellegrina
raddoppia i passi,  pi  pi s'affretta;
 poi cos soletta
al fin di sua giornata
talora consolata
d'alcun breve riposo, ov'ella oblia
la noia e 'l mal de la passata via.
Ma, lasso, ogni dolor che 'l d m'adduce
cresce qualor s'invia
per partirsi da noi l'eterna luce.

Come 'l sol volge le 'nfiammate rote
per dar luogo a la notte, onde discende
dagli altissimi monti maggior l'ombra,
l'avaro zappador l'arme riprende,
 con parole  con alpestri note
ogni gravezza del suo petto sgombra;
 poi la mensa ingombra
di povere vivande,
simili a quelle ghiande,
le qua' fuggendo tutto 'l mondo onora.
Ma chi vuol si rallegri ad ora ad ora,
ch'i' pur non ebbi ancor, non dir lieta,
ma riposata un'ora,
n per volger di ciel n di pianeta.

Quando vede 'l pastor calare i raggi
del gran pianeta al nido ov'egli alberga,
e 'nbrunir le contrade d'orente,
drizzasi in piedi,  co l'usata verga,
lassando l'erba  le fontane e i faggi,
move la schiera sua soavemente;
poi lontan da la gente
o casetta o spelunca
di verdi frondi ingiuncha:
ivi senza pensier' s'adagia  dorme.
Ahi crudo Amor, ma tu allor pi mi 'nforme
a seguir d'una fera che mi strugge,
la voce e i passi  l'orme,
 lei non stringi che s'appiatta  fugge.

E i naviganti in qualche chiusa valle
gettan le membra, poi che 'l sol s'asconde,
sul duro legno,  sotto a l'aspre gonne.
Ma io, perch s'attuffi in mezzo l'onde,
 lasci Hispagna dietro a le sue spalle,
 Granata  Marroccho  le Colonne,
 gli uomini  le donne
e 'l mondo  gli animali
aquetino i lor mali,
fine non pongo al mio ostinato affanno;
 duolmi ch'ogni giorno arroge al danno,
ch'i' son gi pur crescendo in questa voglia
ben presso al decim'anno,
n poss'indovinar chi me ne scioglia.

 perch un poco nel parlar mi sfogo,
veggio la sera i buoi tornare sciolti
da le campagne  da' solcati colli:
i miei sospiri a me perch non tolti
quando che sia? perch no 'l grave giogo?
perch d  notte gli occhi miei son molli?
Misero me, che volli
quando primier s fiso
gli tenni nel bel viso
per iscolpirlo imaginando in parte
onde mai n per forza n per arte
mosso sar, fin ch'i' sia dato in preda
a chi tutto diparte!
N so ben anco che di lei mi creda.

Canzon, se l'esser meco
dal matino a la sera
t' fatto di mia schiera,
tu non vorrai mostrarti in ciascun loco;
 d'altrui loda curerai s poco,
ch'assai ti fia pensar di poggio in poggio
come m' concio 'l foco
di questa viva petra, ov'io m'appoggio.


53

Spirto gentil, che quelle membra reggi
dentro le qua' peregrinando alberga
un signor valoroso, accorto  saggio,
poi che se' giunto a l'onorata verga
colla qual Roma  i suoi erranti correggi,
 la richiami al suo antiquo vaggio,
io parlo a te, per ch'altrove un raggio
non veggio di vert, ch'al mondo spenta,
n trovo chi di mal far si vergogni.
Che s'aspetti non so, n che s'agogni,
Italia, che suoi guai non par che senta:
vecchia, otosa  lenta,
dormir sempre,  non fia chi la svegli?
Le man' l'avess'io avolto entro' capegli.

Non spero che gi mai dal pigro sonno
mova la testa per chiamar ch'uom faccia,
s gravemente oppressa  di tal soma;
ma non senza destino a le tue braccia,
che scuoter forte  sollevarla ponno,
or commesso il nostro capo Roma.
Pon' man in quella venerabil chioma
securamente,  ne le treccie sparte,
s che la neghittosa esca del fango.
I' che d  notte del suo strazio piango,
di mia speranza in te la maggior parte:
che se 'l popol di Marte
devesse al proprio honore alzar mai gli occhi,
parmi pur ch'a' tuoi d la gratia tocchi.

L'antiche mura ch'anchor teme  ama
 trema 'l mondo, quando si rimembra
del tempo andato e 'n dietro si rivolve,
e i sassi dove fur chiuse le membra
di ta' che non saranno senza fama,
se l'universo pria non si dissolve,
 tutto quel ch'una ruina involve,
per te spera saldar ogni suo vitio.
O grandi Sciponi, o fedel Bruto,
quanto v'aggrada, s'egli anchor venuto
romor l gi del ben locato officio!
Come cre' che Fabritio
si faccia lieto, udendo la novella!
 dice: Roma mia sar anchor bella.

 se cosa di qua nel ciel si cura,
l'anime che lass son citadine,
 nno i corpi abandonati in terra,
del lungo odio civil ti pregan fine,
per cui la gente ben non s'assecura,
onde 'l camin a' lor tecti si serra:
che fur gi s devoti,  ora in guerra
quasi spelunca di ladron' son fatti,
tal ch'a' buon' solamente uscio si chiude,
 tra gli altari  tra le statue ignude
ogni impresa crudel par che se tratti.
Deh quanto diversi atti!
N senza squille s'incommincia assalto,
che per Dio ringraciar fur poste in alto.

Le donne lagrimose, e 'l vulgo inerme
de la tenera etate, e i vecchi stanchi
ch'nno s in odio  la soverchia vita,
e i neri fraticelli e i bigi e i bianchi,
coll'altre schiere travagliate e 'nferme,
gridan: O signor nostro, aita, aita.
 la povera gente sbigottita
ti scopre le sue piaghe a mille a mille,
ch'Anibale, non ch'altri, farian pio.
 se ben guardi a la magion di Dio
ch'arde oggi tutta, assai poche faville
spegnendo, fien tranquille
le voglie, che si mostran s 'nfiammate,
onde fien l'opre tue nel ciel laudate.

Orsi, lupi, leoni, aquile  serpi
ad una gran marmorea colonna
fanno noia sovente,  a s danno.
Di costor piange quella gentil donna
che t' chiamato a ci che di lei sterpi
le male piante, che fiorir non sanno.
Passato gi pi che 'l millesimo anno
che 'n lei mancr quell'anime leggiadre
che locata l'avean l dov'ell'era.
Ahi nova gente oltra misura altera,
irreverente a tanta  a tal madre!
Tu marito, tu padre:
ogni soccorso di tua man s'attende,
ch 'l maggior padre ad altr'opera intende.

Rade volte adiven ch'a l'alte imprese
fortuna ingiurosa non contrasti,
ch'agli animosi fatti mal s'accorda.
Ora sgombrando 'l passo onde tu intrasti,
famisi perdonar molt'altre offese,
ch'almen qui da se stessa si discorda:
per che, quanto 'l mondo si ricorda,
ad uom mortal non fu aperta la via
per farsi, come a te, di fama eterno,
che puoi drizzar, s'i' non falso discerno,
in stato la pi nobil monarchia.
Quanta gloria ti fia
dir: Gli altri l'aitr giovene  forte;
questi in vecchiezza la scamp da morte.

Sopra 'l monte Tarpeio, canzon, vedrai
un cavalier, ch'Italia tutta honora,
pensoso pi d'altrui che di se stesso.
Digli: Un che non ti vide anchor da presso,
se non come per fama huom s'innamora,
dice che Roma ognora
con gli occhi di dolor bagnati  molli
ti chier merc da tutti sette i colli.


54

Perch'al viso d'Amor portava insegna,
mosse una pellegrina il mio cor vano,
ch'ogni altra mi parea d'onor men degna.

 lei seguendo su per l'erbe verdi,
ud' dir alta voce di lontano:
Ahi, quanti passi per la selva perdi!

Allor mi strinsi a l'ombra d'un bel faggio,
tutto pensoso;  rimirando intorno,
vidi assai periglioso il mio vaggio;

 tornai indietro quasi a mezzo 'l giorno.



61

Benedetto sia 'l giorno,  'l mese,  l'anno,
 la stagione, e 'l tempo,  l'ora, e 'l punto,
e 'l bel paese, e 'l loco ov'io fui giunto
da'duo begli occhi che legato m'nno;

 benedetto il primo dolce affanno
ch'i' ebbi ad esser con Amor congiunto,
 l'arco,  le saette ond'i' fui punto,
 le piaghe che 'nfin al cor mi vanno.

Benedette le voci tante ch'io
chiamando il nome de mia donna sparte,
e i sospiri,  le lagrime, e 'l desio;

 benedette sian tutte le carte
ov'io fama l'acquisto, e 'l pensier mio,
ch' sol di lei, s ch'altra non v' parte.


62

Padre del ciel, dopo i perduti giorni,
dopo le notti vaneggiando spese,
con quel fero desio ch'al cor s'accese,
mirando gli atti per mio mal s adorni,

piacciati omai col Tuo lume ch'io torni
ad altra vita  a pi belle imprese,
s ch'avendo le reti indarno tese,
il mio duro avversario se ne scorni.

Or volge, Signor mio, l'undecimo anno
ch'i' fui sommesso al dispietato giogo
che sopra i pi soggetti pi feroce.

Miserere del mio non degno affanno;
reduci i pensier' vaghi a miglior luogo;
ramenta lor come oggi fusti in croce.


81

Io son s stanco sotto 'l fascio antico
de le mie colpe  de l'usanza ria
ch'i' temo forte di mancar tra via,
 di cader in man del mio nemico.

Ben venne a dilivrarmi un grande amico
per somma  ineffabil cortesia;
poi vol fuor de la veduta mia,
s ch'a mirarlo indarno m'affatico.

Ma la sua voce ancor qua gi rimbomba:
O voi che travagliate, ecco 'l camino;
venite a me, se 'l passo altri non serra.

Qual gratia, qual amore, o qual destino
mi dar penne in guisa di colomba,
ch'i' mi riposi,  levimi da terra?


90

Erano i capei d'oro a l'aura sparsi
che 'n mille dolci nodi gli avolgea,
e l'vago lume oltra misura ardea
di quei begli occhi, ch'or ne son s scarsi;

e 'l viso di pietosi color' farsi,
non so se vero o falso, mi parea:
i' che l'sca amorosa al petto avea,
qual meraviglia se di sbito arsi?

Non era l'andar suo cosa mortale,
ma d'angelica forma;  le parole
sonavan altro, che pur voce humana.

Uno spirto celeste, un vivo sole
fu quel ch'i'vidi:  se non fosse or tale,
piaga per allentar d'arco non sana.



119

Una donna pi bella assai che 'l sole,
 pi lucente,  d'altrettanta etade,
con famosa beltade,
acerbo ancor mi trasse a la sua schiera.
Questa in penseri, in opre  in parole
(per ch' de le cose al mondo rade),
questa per mille strade
sempre inanzi mi fu leggiadra altera.
Solo per lei tornai da quel ch'i' era,
poi ch'i' soffersi gli occhi suoi da presso;
per suo amor m'er'io messo
a faticosa impresa assai per tempo:
tal che, s'i'arrivo al disato porto,
spero per lei gran tempo
viver, quand'altri mi terr per morto.

Questa mia donna mi men molt'anni
pien di vaghezza giovenile ardendo,
s come ora io comprendo,
sol per aver di me pi certa prova,
mostrandomi pur l'ombra o 'l velo o' panni
talor di s, ma 'l viso nascondendo;
 io, lasso, credendo
vederne assai, tutta l'et mia nova
passai contento, e 'l rimembrar mi giova,
poi ch'alquanto di lei veggi'or pi inanzi.
I'dico che pur dianzi
qual io non l'avea vista infin allora,
mi si scoverse: onde mi nacque un ghiaccio
nel core,  vvi anchora,
 sar sempre fin ch'i' le sia in braccio.

Ma non me 'l tolse la paura o 'l gielo
che pur tanta baldanza al mio cor diedi
ch'i' le mi strinsi a' piedi
per pi dolcezza trar de gli occhi suoi;
 ella, che remosso avea gi il velo
dinanzi a' miei, mi disse: - Amico, or vedi
com'io son bella,  chiedi
quanto par si convenga agli anni tuoi. -
- Madonna - dissi - gi gran tempo in voi
posi 'l mio amor, ch'i' sento or s infiammato,
ond'a me in questo stato
altro voler o disvoler m' tolto. -
Con voce allor di s mirabil' tempre
rispose,  con un volto
che temer  sperar mi far sempre:

- Rado fu al mondo fra cos gran turba
ch'udendo ragionar del mio valore
non si sentisse al core
per breve tempo almen qualche favilla;
ma l'avversaria mia che 'l ben perturba
tosto la spegne, ond'ogni vert more
 regna altro signore
che promette una vita pi tranquilla.
De la tua mente Amor, che prima aprilla,
mi dice cose veramente ond'io
veggio che 'l gran desio
pur d'onorato fin ti far degno;
 come gi se' de' miei rari amici,
donna vedrai per segno
che far gli occhi tuoi via pi felici. -

I' volea dir: - Quest' impossibil cosa -;
quand'ella: - Or mira -  leva' gli occhi un poco
in pi riposto loco -
donna ch'a pochi si mostr gi mai. -
Ratto inchinai la fronte vergognosa,
sentendo novo dentro maggior foco;
 ella il prese in gioco,
dicendo: - I' veggio ben dove tu stai.
S come 'l sol con suoi possenti rai
fa sbito sparire ogni altra stella,
cos par or men bella
la vista mia cui maggiore luce preme.
Ma io per da' miei non ti diparto,
ch questa  me d'un seme,
lei davanti  me poi, produsse un parto. -

Ruppesi intanto di vergogna il nodo
ch'a la mia lingua era distretto intorno
su nel primiero scorno,
allor quand'io del suo accorger m'accorsi;
e 'ncominciai: - S'egli ver quel ch'i' odo,
beato il padre,  benedetto il giorno
ch' di voi il mondo adorno,
 tutto 'l tempo ch'a vedervi io corsi;
 se mai da la via dritta mi torsi,
duolmene forte, assai pi ch'i' non mostro;
ma se de l'esser vostro
fossi degno udir pi, del desir ardo. -
Pensosa mi rispose,  cos fiso
tenne il suo dolce sguardo
ch'al cor mand co le parole il viso:

- S come piacque al nostro eterno padre,
ciascuna di noi due nacque immortale.
Miseri, a voi che vale?
Me' v'era che da noi fosse il defetto.
Amate, belle, gioveni  leggiadre
fummo alcun tempo:  or siam giunte a tale
che costei batte l'ale
per tornar a l'antico suo ricetto;
i' per me sono un'ombra.  or t' detto
quanto per te s breve intender puossi. -
Poi che i pie' suoi fur mossi,
dicendo: - Non temer ch'i' m'allontani -,
di verde lauro una ghirlanda colse,
la qual co le sue mani
intorno intorno a le mie tempie avolse.

Canzon, chi tua ragion chiamasse oscura,
di': - Non cura, perch tosto spero
ch'altro messaggio il vero
far in pi chiara voce manifesto.
I' venni sol per isvegliare altrui,
se chi m'impose questo
non m'ingan, quand'io part' da lui. -


125

Se 'l pensier che mi strugge,
com' pungente  saldo,
cos vestisse d'un color conforme,
forse tal m'arde  fugge,
ch'avria parte del caldo,
 desteriasi Amor l dov'or dorme;
men solitarie l'orme
fran de' miei pie' lassi
per campagne  per colli,
men gli occhi ad ognor molli,
ardendo lei che come un ghiaccio stassi,
 non lascia in me dramma
che non sia foco  fiamma.

Per ch'Amor mi sforza
 di saver mi spoglia,
parlo in rime aspre,  di dolcezza ignude:
ma non sempre a la scorza
ramo, n in fior, n 'n foglia
mostra di for sua natural vertude.
Miri ci che 'l cor chiude
Amor  que' begli occhi,
ove si siede a l'ombra.
Se 'l dolor che si sgombra
aven che 'n pianto o in lamentar trabocchi,
l'un a me nce  l'altro
altrui, ch'io non lo scaltro.

Dolci rime leggiadre
che nel primiero assalto
d'Amor usai, quand'io non ebbi altr'arme,
chi verr mai che squadre
questo mio cor di smalto
ch'almen com'io solea possa sfogarme?
Ch'aver dentro a lui parme
un che madonna sempre
depinge  de lei parla:
a voler poi ritrarla
per me non basto,  par ch'io me ne stempre.
Lasso, cos m' scorso
lo mio dolce soccorso.

Come fanciul ch'a pena
volge la lingua  snoda,
che dir non sa, ma 'l pi tacer gli noia,
cos 'l desir mi mena
a dire,  vo' che m'oda
la dolce mia nemica anzi ch'io moia.
Se forse ogni sua gioia
nel suo bel viso solo,
 di tutt'altro schiva,
odil tu, verde riva,
e presta a' miei sospir' s largo volo,
che sempre si ridica
come tu m'eri amica.

Ben sai che s bel piede
non tocch terra unquancho
come quel d che gi segnata fosti;
onde 'l cor lasso riede
col tormentoso fiancho
a partir teco i lor pensier' nascosti.
Cos avest riposti
de' be' vestigi sparsi
anchor tra' fiori  l'erba,
che la mia vita acerba,
lagrimando, trovasse ove acquetarsi!
Ma come p s'appaga
l'alma dubbiosa  vaga.

Ovunque gli occhi volgo
trovo un dolce sereno
pensando: Qui percosse il vago lume.
Qualunque erba o fior colgo
credo che nel terreno
aggia radice, ov'ella ebbe in costume
gir fra le piagge e 'l fiume,
 talor farsi un seggio
fresco, fiorito  verde.
Cos nulla se 'n perde,
 pi certezza averne fra il peggio.
Spirto beato, quale
se', quando altrui fai tale?

O poverella mia, come se' rozza!
Credo che tel conoschi:
rimanti in questi boschi.


126

Chiare, fresche  dolci acque,
ove le belle membra
pose colei che sola a me par donna;
gentil ramo ove piacque
(con sospir' mi rimembra)
a lei di fare al bel fiancho colonna;
erba  fior' che la gonna
leggiadra ricoverse
co l'angelico seno;
aere sacro, sereno,
ove Amor co' begli occhi il cor m'aperse:
date udenzia insieme
a le dolenti mie parole estreme.

S'egli pur mio destino
e 'l cielo in ci s'adopra,
ch'Amor quest'occhi lagrimando chiuda,
qualche gratia il meschino
corpo fra voi ricopra,
 torni l'alma al proprio albergo ignuda.
La morte fia men cruda
se questa spene porto
a quel dubbioso passo:
ch lo spirito lasso
non poria mai in pi riposato porto
n in pi tranquilla fossa
fuggir la carne travagliata  l'ossa.

Tempo verr ancor forse
ch'a l'usato soggiorno
torni la fera bella  manseta,
 l 'v'ella mi scorse
nel benedetto giorno,
volga la vista disosa  lieta,
cercandomi; , o piet!,
gi terra in fra le pietre
vedendo, Amor l'inspiri
in guisa che sospiri
s dolcemente che merc m'impetre,
 faccia forza al cielo,
asciugandosi gli occhi col bel velo.

Da' be' rami scendea
(dolce ne la memoria)
una pioggia di fior' sovra 'l suo grembo;
 ella si sedea
humile in tanta gloria,
coverta gi de l'amoroso nembo.
Qual fior cadea sul lembo,
qual su le treccie bionde,
ch'oro forbito  perle
eran quel d a vederle;
qual si posava in terra,  qual su l'onde;
qual con un vago errore
girando parea dir: - Qui regna Amore. -

Quante volte diss'io
allor pien di spavento:
Costei per fermo nacque in paradiso.
Cos carco d'oblio
il divin portamento
e 'l volto e le parole e 'l dolce riso
m'aveano,  s diviso
da l'imagine vera,
ch'i' dicea sospirando:
Qui come venn'io, o quando?;
credendo esser in ciel, non l dov'era.
Da indi in qua mi piace
questa erba s, ch'altrove non pace.

Se tu avessi ornamenti quant'i voglia,
poresti arditamente
uscir del bosco,  gir in fra la gente.


129

Di pensier in pensier, di monte in monte
mi guida Amor, ch'ogni segnato calle
provo contrario a la tranquilla vita.
Se 'n solitaria piaggia, rivo, o fonte,
se 'nfra duo poggi siede ombrosa valle,
ivi s'acqueta l'alma sbigottita;
 come Amor l'envita,
or ride, or piange, or teme, or s'assecura;
e 'l volto che lei segue ov'ella il mena
si turba  rasserena,
 in un esser picciol tempo dura;
onde a la vista uom di tal vita esperto
diria: Questo arde,  di suo stato incerto.

Per alti monti  per selve aspre trovo
qualche riposo: ogni abitato loco
nemico mortal degli occhi miei.
A ciascun passo nasce un penser novo
de la mia donna, che sovente in gioco
gira 'l tormento ch'i' porto per lei;
 a pena vorrei
cangiar questo mio viver dolce amaro,
ch'i' dico: Forse ancor ti serva Amore
ad un tempo migliore;
forse, a te stesso vile, altrui se' caro.
 in questa trapasso sospirando:
Or porrebbe esser vero? or come? or quando?

Ove porge ombra un pino alto od un colle
talor m'arresto,  pur nel primo sasso
disegno co la mente il suo bel viso.
Poi ch'a me torno, trovo il petto molle
de la pietate;  alor dico: Ahi, lasso,
dove se' giunto!  onde se' diviso!
Ma mentre tener fiso
posso al primo pensier la mente vaga,
 mirar lei,  oblar me stesso,
sento Amor s da presso,
che del suo proprio error l'alma s'appaga:
in tante parti  s bella la veggio,
che se l'error durasse, altro non cheggio.

I' l' pi volte (or chi fia che mi 'l creda?)
ne l'acqua chiara  sopra l'erba verde
veduto viva,  nel tronchon d'un faggio
e 'n bianca nube, s fatta che Leda
avria ben detto che sua figlia perde,
come stella che 'l sol copre col raggio;
 quanto in pi selvaggio
loco mi trovo e 'n pi deserto lido,
tanto pi bella il mio pensier l'adombra.
Poi quando il vero sgombra
quel dolce error, pur l medesmo assido
me freddo, pietra morta in pietra viva,
in guisa d'uom che pensi  pianga  scriva.

Ove d'altra montagna ombra non tocchi,
verso 'l maggiore e 'l pi espedito giogo
tirar mi suol un desiderio intenso;
indi i miei danni a misurar con gli occhi
comincio, e 'ntanto lagrimando sfogo
di dolorosa nebbia il cor condenso,
alor ch'i' miro  penso,
quanta aria dal bel viso mi diparte
che sempre m' s presso  s lontano.
Poscia fra me pian piano:
Che sai tu, lasso! forse in quella parte
or di tua lontananza si sospira.
 in questo penser l'alma respira.

Canzone, oltra quell'alpe
l dove il ciel pi sereno  lieto
mi rivedrai sovr'un ruscel corrente,
ove l'aura si sente
d'un fresco  odorifero laureto.
Ivi 'l mio cor,  quella che 'l m'invola;
qui veder pi l'imagine mia sola.


136

Fiamma dal ciel su le tue treccie piova,
malvagia, che dal fiume  da le ghiande
per l'altrui impoverir se' ricca  grande,
poi che di mal oprar tanto ti giova;

nido di tradimenti, in cui si cova
quanto mal per lo mondo oggi si spande,
de vin serva, di letti  di vivande,
in cui Luxuria fa l'ultima prova.

Per le camere tue fanciulle  vecchi
vanno trescando,  Belzebub in mezzo
co' mantici  col foco  co li specchi.

Gi non fust nudrita in piume al rezzo,
ma nuda al vento,  scalza fra gli stecchi:
or vivi s ch'a Dio ne venga il lezzo.



145

Pommi ove 'l sole occide i fiori  l'erba,
o dove vince lui il ghiaccio  la neve;
ponmi ov' 'l carro suo temprato  leve,
 ov' chi ce 'l rende, o chi ce 'l serba;

ponmi in umil fortuna, od in superba,
al dolce aere sereno, al fosco  greve;
ponmi a la notte, al d lungo ed al breve,
a la matura etate od a l'acerba;

ponmi in cielo, od in terra, od in abisso,
in alto poggio, in valle ima  palustre,
libero spirto, od a' suoi membri affisso;

ponmi con fama oscura, o con illustre:
sar qual fui, vivr com'io son visso,
continando il mio sospir trilustre.


159

In qual parte del ciel, in quale idea
era l'esempio, onde Natura tolse
quel bel viso leggiadro, in ch'ella volse
mostrar qua gi quanto lass potea?

Qual nimpha in fonti, in selve mai qual dea,
chiome d'oro s fino a l'aura sciolse?
quando un cor tante in s vertuti accolse?
bench la somma di mia morte rea.

Per divina bellezza indarno mira
chi gli occhi de costei gi mai non vide
come soavemente ella gli gira;

non sa come Amor sana,  come ancide,
chi non sa come dolce ella sospira,
 come dolce parla,  dolce ride.


160

Amor  io s pien' di meraviglia
come chi mai cosa incredibil vide,
miriam costei quand'ella parla o ride
che sol se stessa,  nulla altra, simiglia.

Dal bel seren de le tranquille ciglia
sfavillan s le mie due stelle fide,
ch'altro lume non ch'infiammi  guide
chi d'amar altamente si consiglia.

Qual miracolo quel, quando tra l'erba
quasi un fior siede, over quand'ella preme
col suo candido seno un verde cespo!

Qual dolcezza ne la stagione acerba
vederla ir sola co i pensier' suoi inseme,
tessendo un cerchio a l'oro terso  crespo!



164

Or che 'l ciel  la terra e 'l vento tace
 le fere e gli augelli il sonno affrena,
Notte il carro stellato in giro mena
 nel suo letto il mar senz'onda giace,

veggio, penso, ardo, piango;  chi mi sface
sempre m' inanzi per mia dolce pena:
guerra 'l mio stato, d'ira  di duol piena,
 sol di lei pensando qualche pace.

Cos sol d'una chiara fonte viva
move 'l dolce  l'amaro ond'io mi pasco;
una man sola mi risana  punge;

e perch 'l mio martir non giunga a riva,
mille volte il d moro  mille nasco,
tanto da la salute mia son lunge.


176

Per mezz'i boschi inospiti  selvaggi,
onde vanno a gran rischio uomini  arme,
vo securo io, ch non p spaventarme
altri che 'l sol ch' d'amor vivo i raggi;

 vo cantando (o penser' miei non saggi!)
lei che 'l ciel non poria lontana farme,
ch'i' l' negli occhi,  veder seco parme
donne  donzelle,  son abeti  faggi.

Parme d'udirla, udendo i rami  l're
 le frondi,  gli augei lagnarsi,  l'acque
mormorando fuggir per l'erba verde.

Raro un silentio, un solitario orrore
d'ombrosa selva mai tanto mi piacque:
se non che dal mio sol troppo si perde.



189

Passa la nave mia colma d'oblio
per aspro mare, a mezza notte il verno,
enfra Scilla  Cariddi;  al governo
siede 'l signore, anzi 'l nimico mio.

A ciascun remo un penser pronto  rio
che la tempesta e 'l fin par ch'abbi a scherno;
la vela rompe un vento umido eterno
di sospir', di speranze,  di desio.

Pioggia di lagrimar, nebbia di sdegni
bagna  rallenta le gi stanche sarte,
che son d'error con ignorantia attorto.

Celansi i duo mei dolci usati segni;
morta fra l'onde la ragion  l'arte,
tal ch'incomincio a desperar del porto.



208

Rapido fiume che d'alpestra vena
rodendo intorno, onde 'l tuo nome prendi,
notte  d meco disoso scendi
ov'Amor me, te sol Natura mena,

vattene innanzi: il tuo corso non frena
n stanchezza n sonno;  pria che rendi
suo dritto al mar, fiso u' si mostri attendi
l'erba pi verde,  l'aria pi serena.

Ivi quel nostro vivo  dolce sole,
ch'addorna e 'nfiora la tua riva manca:
forse (o che spero?) e 'l mio tardar le dole.

Basciale 'l piede, o la man bella  bianca;
dille, e 'l basciar sie 'nvece di parole:
Lo spirto pronto, ma la carne stanca.



272

La vita fugge,  non s'arresta una hora,
 la morte vien dietro a gran giornate,
 le cose presenti  le passate
mi dnno guerra,  le future anchora;

e 'l rimembrare  l'aspettar m'accora,
or quinci or quindi, s che 'n veritate,
se non ch'i' di me stesso pietate,
i' sarei gi di questi penser' fra.

Tornami avanti, s'alcun dolce mai
ebbe 'l cor tristo;  poi da l'altra parte
veggio al mio navigar turbati i vnti;

veggio fortuna in porto,  stanco omai
il mio nocchier,  rotte arbore  sarte,
e i lumi bei che mirar soglio, spenti.


273

Che fai? Che pensi? che pur dietro guardi
nel tempo, che tornar non pote omai?
Anima sconsolata, che pur vai
giungnendo legne al foco ove tu ardi?

Le soavi parole e i dolci sguardi
ch'ad un ad un descritti  depinti i,
son levati de terra;  , ben sai,
qui ricercarli intempestivo  tardi.

Deh non rinovellar quel che n'ancide
non seguir pi penser vago, fallace,
ma saldo  certo, ch'a buon fin ne guide.

Cerchiamo 'l ciel, se qui nulla ne piace:
ch mal per noi quella belt si vide,
se viva  morta ne devea tr pace.


284

S breve 'l tempo e 'l penser s veloce
che mi rendon madonna cos morta,
ch'al gran dolor la medicina corta:
pur, mentr'io veggio lei, nulla mi nce.

Amor, che m' legato  tienmi in croce,
trema quando la vede in su la porta
de l'alma ove m'ancide, ancor s scorta,
s dolce in vista  s soave in voce.

Come donna in suo albergo altra vne,
scacciando de l'oscuro  grave core
co la fronte serena i pensier' tristi.

L'alma, che tanta luce non sostene,
sospira  dice: - O benedette l'ore
del d che questa via con li occhi apristi! -


292

Gli occhi di ch'io parlai s caldamente,
 le braccia  le mani  i piedi e 'l viso,
che m'avean s da me stesso diviso,
 fatto singular da l'altra gente;

le crespe chiome d'r puro lucente
e 'l lampeggiar de l'angelico riso,
che solean fare in terra un paradiso,
poca polvere son, che nulla sente.

 io pur vivo, onde mi doglio  sdegno,
rimaso senza 'l lume ch'amai tanto,
in gran fortuna e 'n disarmato legno.

Or sia qui fine al mio amoroso canto:
secca la vena de l'usato ingegno,
 la cetera mia rivolta in pianto.


310

Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena,
e i fiori  l'erbe, sua dolce famiglia,
 garrir Progne  pianger Filomena,
 primavera candida  vermiglia.

Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;
Giove s'allegra di mirar sua figlia;
l'aria  l'acqua  la terra d'amor piena;
ogni animal d'amar si riconsiglia.

Ma per me, lasso, tornano i pi gravi
sospiri, che del cor profondo tragge
quella ch'al ciel se ne port le chiavi;

 cantar augelletti,  fiorir piagge,
e 'n belle donne oneste atti soavi
sono un deserto,  fere aspre  selvagge.


311

Quel rosignol, che s soave piagne,
forse suoi figli, o sua cara consorte,
di dolcezza empie il cielo  le campagne
con tante note s pietose  scorte,

 tutta notte par che m'accompagne,
 mi rammente la mia dura sorte:
ch'altri che me non di ch'i' mi lagne,
ch 'n dee non credev'io regnasse Morte.

O che lieve inganar chi s'assecura!
Que' duo bei lumi assai pi che 'l sol chiari
chi pens mai veder far terra oscura?

Or cognosco io che mia fera ventura
vuol che vivendo  lagrimando impari
come nulla qua gi diletta,  dura.


353

Vago augelletto che cantando vai,
over piangendo, il tuo tempo passato,
vedendoti la notte e 'l verno a lato
e 'l d dopo le spalle e i mesi gai,

se, come i tuoi gravosi affanni sai,
cos sapessi il mio simile stato,
verresti in grembo a questo sconsolato
a partir seco i dolorosi guai.

I' non so se le parti sarian pari,
ch quella cui tu piangi forse in vita,
di ch'a me Morte e 'l ciel son tanto avari;

ma la stagione  l'ora men gradita,
col membrar de' dolci anni  de li amari,
a parlar teco con piet m'invita.


365

I' vo piangendo i miei passati tempi
i quai posi in amar cosa mortale,
senza levarmi a volo, abbiend'io l'ale,
per dar forse di me non bassi essempi.

Tu che vedi i miei mali indegni  empi,
Re del cielo invisibile immortale,
soccorri a l'alma disvata  frale,
e 'l suo defetto di tua gratia adempi:

s che, s'io vissi in guerra  in tempesta,
mora in pace  in porto;  se la stanza
fu vana, almen sia la partita onesta.

A quel poco di viver che m'avanza
 al morir, degni esser Tua man presta:
Tu sai ben che 'n altrui non speranza.


366

Vergine bella, che di sol vestita,
coronata di stelle, al sommo Sole
piacesti s, che 'n te Sua luce ascose,
amor mi spinge a dir di te parole:
ma non so 'ncominciar senza tu' aita,
 di Colui ch'amando in te si pose.
Invoco lei che ben sempre rispose,
chi la chiam con fede:
Vergine, s'a mercede
miseria estrema de l'umane cose
gi mai ti volse, al mio prego t'inchina,
soccorri a la mia guerra,
bench'i' sia terra,  tu del ciel regina.

Vergine saggia,  del bel numero una
de le beate vergini prudenti,
anzi la prima,  con pi chiara lampa;
o saldo scudo de l'afflitte genti
contra colpi di Morte  di Fortuna,
sotto 'l qual si trumfa, non pur scampa;
o refrigerio al cieco ardor ch'avampa
qui fra i mortali sciocchi:
Vergine, que' belli occhi
che vider tristi la spietata stampa
ne' dolci membri del tuo caro figlio,
volgi al mio dubbio stato,
che sconsigliato a te vn per consiglio.

Vergine pura, d'ogni parte intera,
del tuo parto gentil figliola  madre,
ch'allumi questa vita,  l'altra adorni,
per te il tuo figlio,  quel del sommo Padre,
o fenestra del ciel lucente altera,
venne a salvarne in su li estremi giorni;
 fra tutt'i terreni altri soggiorni
sola tu fosti electa,
Vergine benedetta,
che 'l pianto d'Eva in allegrezza torni.
Fammi, ch puoi, de la Sua gratia degno,
senza fine o beata,
gi coronata nel superno regno.

Vergine santa d'ogni gratia piena,
che per vera  altissima umiltate
salisti al ciel onde miei preghi ascolti,
tu partoristi il fonte di pietate,
 di giustitia il sol, che rasserena
il secol pien d'errori oscuri  folti;
tre dolci  cari nomi i in te raccolti,
madre, figliuola  sposa:
Vergina glorosa,
donna del Re che nostri lacci sciolti
 fatto 'l mondo libero  felice,
ne le cui sante piaghe
prego ch'appaghe il cor, vera beatrice.

Vergine sola al mondo senza esempio,
che 'l ciel di tue bellezze innamorasti,
cui n prima fu simil n seconda,
santi penseri, atti pietosi  casti
al vero Dio sacrato  vivo tempio
fecero in tua verginit feconda.
Per te p la mia vita esser ioconda,
s'a' tuoi preghi, o Maria,
Vergine dolce  pia,
ove 'l fallo abond, la gratia abonda.
Con le ginocchia de la mente inchine,
prego che sia mia scorta,
 la mia torta via drizzi a buon fine.

Vergine chiara  stabile in eterno,
di questo tempestoso mare stella,
d'ogni fedel nocchier fidata guida,
pon' mente in che terribile procella
i' mi ritrovo sol, senza governo,
  gi da vicin l'ultime strida.
Ma pur in te l'anima mia si fida,
peccatrice, i' no 'l nego,
Vergine; ma ti prego
che 'l tuo nemico del mio mal non rida:
ricorditi che fece il peccar nostro,
prender Dio per scamparne,
umana carne al tuo virginal chiostro.

Vergine, quante lagrime gi sparte,
quante lusinghe  quanti preghi indarno,
pur per mia pena  per mio grave danno!
Da poi ch'i' nacqui in su la riva d'Arno,
cercando or questa  or quel'altra parte,
non stata mia vita altro ch'affanno.
Mortal bellezza, atti  parole m'nno
tutta ingombrata l'alma.

Vergine sacra  alma,
non tardar, ch'i' son forse a l'ultimo anno.
I d miei pi correnti che saetta
fra miserie  peccati
sonsen' andati,  sol Morte n'aspetta.

Vergine, tale terra,  posto in doglia
lo mio cor, che vivendo in pianto il tenne
 de mille miei mali un non sapea:
 per saperlo, pur quel che n'avenne
fra avenuto, ch'ogni altra sua voglia
era a me morte,  a lei fama rea.
Or tu donna del ciel, tu nostra dea
(se dir lice, e convensi),
Vergine d'alti sensi,
tu vedi il tutto; e quel che non potea
far altri, nulla a la tua gran vertute,
por fine al mio dolore;
ch'a te onore,  a me fia salute.

Vergine, in cui tutta mia speranza
che possi  vogli al gran bisogno aitarme,
non mi lasciare in su l'estremo passo.
Non guardar me, ma Chi degn crearme;
no 'l mio valor, ma l'alta Sua sembianza,
ch' in me, ti mova a curar d'uom s basso.
Medusa  l'error mio m'n fatto un sasso
d'umor vano stillante:
Vergine, tu di sante
lagrime  pe adempi 'l meo cor lasso,
ch'almen l'ultimo pianto sia devoto,
senza terrestro limo,
come fu 'l primo non d'insania vto.

Vergine umana,  nemica d'orgoglio,
del comune principio amor t'induca:
miserere d'un cor contrito umile.
Che se poca mortal terra caduca
amar con s mirabil fede soglio,
che devr far di te, cosa gentile?
Se dal mio stato assai misero  vile
per le tue man' resurgo,
Vergine, i' sacro  purgo
al tuo nome  penseri e 'ngegno  stile,
la lingua e 'l cor, le lagrime e i sospiri.
Scorgimi al miglior guado,
 prendi in grado i cangiati desiri.

Il d s'appressa,  non pte esser lunge,
s corre il tempo  vola,
Vergine unica  sola,
e 'l cor or coscentia or morte punge.
Raccomandami al tuo figliuol, verace
homo  verace Dio,
ch'accolga 'l mo spirto ultimo in pace.

 


Audiolibri: i pi grandi autori della letteratura in cd audio o mp3. Recitar Leggendo Audiolibri: interpretazioni a voce alta dei capolavori di Dante, Boccaccio, Petrarca, Leopardi, Verga, Pirandello, Calvino ed altri grandi autori della letteratura.  Recitar Leggendo Audiolibri - a cura di Claudio Carini.

 

Home

E. Shop Audiolibri Catalogo Aiuto
Archivio Login E.Mail Librerie Links

 

 

Recitar Leggendo Audiolibri
i grandi classici interpretati ad alta voce